RSS

Archivio dell'autore: Enzo Losacco

E dopo il no alle centrali nucleari, la raccolta differenziata


Dopo aver collezionato un consenso ampio sulla non presenza di centrali nucleari in Italia, concentriamoci su un altro aspetto importante: la Raccolta Differenziata dei rifiuti.

Ascoltiamo ciò che un esperto come Maurizio Pallante può consigliarci.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 giugno 2011 in Ecologia e Sistema

 

Michael Pritchard trasforma acqua sporca in potabile


Un porzione troppo ampia del mondo non ha accesso all’acqua potabile. L’ingegnere Michael Pritchard ha cercato di fare qualcosa — inventando il filtro portatile Lifesaver, che può rendere potabile l’acqua più rivoltante in pochi secondi.

Cos’è la bottiglia LIFESAVER?
La bottiglia LIFESAVER è la prima bottiglia “tutto in uno” ad ultra filtraggio di acqua. Rimuove batteri, virus, parassiti, funghi e tutti gli altri agenti patogeni microbiologici trasportati dall’acqua, senza utilizzare prodotti chimici come lo iodio od il cloro che lasciano un caratteristico sapore disgustoso. La bottiglia LIFESAVER produce velocemente e facilmente acqua da bere filtrata e sterile. Con la bottiglia LIFESAVER non occorrono pastiglie, ebollizioni, prodotti chimici, tubetti, scuotimenti, strofinamenti, attese o fatiche. La bottiglia LIFESAVER produce acqua da bere pulita e con un sapore gradevole – velocemente!

http://www.lifesaversystems.it/press.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 maggio 2011 in Ecologia e Sistema

 

Di chi è la colpa?


Il motivo della formazione del carattere di un figlio non è solo dettata dall’ambiente in cui si vive, ma soprattutto dalla sua formazione basilare nell’ambito familiare.

Vediamo quali sono i “difetti” di educazione da parte dei genitori:

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 aprile 2011 in Cultura e Società

 

2012: sarà vero?


Realtà o fantasia? Verità o superstizione?

In ogni caso, ascoltiamo le ipotesi formulate.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 aprile 2011 in Fantasy

 

La Decrescita Felice


Il Movimento per la decrescita felice è un movimento italiano nato e cresciuto informalmente dall’inizio degli anni 2000 sui temi della demitizzazione dello sviluppo fine a se stesso, e successivamente sfociato in un’associazione fondata da Maurizio Pallante, esperto di risparmio energetico. Il movimento, chiaramente ispirato alla decrescita teorizzata da Nicholas Georgescu-Roegen, fondatore della bioeconomia, ed in linea con il pensiero di Serge Latouche, parte dal presupposto che la correlazione tra crescita economica e benessere non sia necessariamente positiva, ma che esistano situazioni frequenti in cui ad un aumento del Prodotto interno lordo (PIL) si riscontra una diminuzione della qualità della vita.

Di seguito riporto due interventi dello scrittore.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 aprile 2011 in Cultura e Società

 

Lettera di un Italiano


Quando nostra figlia è arrivata all’età della scuola io e mia moglie ne abbiamo parlato e abbiamo deciso: scuola pubblica. Potevamo permetterci di scegliere e abbiamo scelto. Abbiamo pensato che fosse giusto così, per lei. E’ nostra figlia ed è la persona a cui teniamo di più al mondo ma è anche una bimba italiana e l’Italia ha una Scuola Pubblica.
Sapevamo di inserirla in una realtà problematica ma era proprio quello il motivo della scelta.  Un luogo pubblico, che fosse di sua proprietà in quanto giovane cittadina, che non fosse gestito come un’azienda e che non basasse i suoi principi su una dottrina religiosa per quanto ogni religione venisse accolta. Un luogo pubblico, di tutti e per tutti, scenario di conquiste e di errori, di piccole miserie e di grandi orizzonti, teatro di diversi saperi e di diverse ignoranze.
C’è da imparare anche dalle ignoranze, non solo dai saperi selezionati. La scuola è per tutti, deve essere per tutti, è bello che sia così, è una grande conquista avere una scuola pubblica, specialmente quella dell’obbligo.
Io li ho visti i paesi dove la scuola pubblica è solo una parola, si sta peggio anche se una minoranza esigua sta col sedere al calduccio e impara tre lingue. A che serve sapere tre lingue se non sai come parlare con uno diverso da te ? Il nostro presidente del consiglio dicendo quello che ha detto offende milioni di famiglie e migliaia di persone che all’insegnamento dedicano il loro tempo migliore, con cura, con affetto vero per quei ragazzi.
Tra le persone che conosco e tra i miei parenti ci sono stati e ci sono professori di scuola, maestre, ho una cugina che è insegnante di sostegno in una scuola di provincia. Li sento parlare e non sono dei cinici, fanno il loro lavoro con passione civile tra mille difficoltà e per la maggior parte degli insegnanti della scuola pubblica è così. Perchè offenderli? Perchè demotivarli?  Perché usare un termine come “inculcare”? E’ una parola brutta che parla di un mondo che non deve esistere più.
La scuola pubblica non è in competizione con le scuole private, non è la lotta tra Rai e Mediaset o tra due supermercati per conquistarsi uno spettatore o un cliente in più, non mettiamola su questo piano…  La scuola di Stato è quella che si finanzia con le tasse dei cittadini, anche di quelli che non hanno figli e anche di quelli che mandano i figli alla scuola privata, è questo il punto. E’ una conquista, è come l’acqua che ti arriva al rubinetto: poi ognuno può comprarsi l’acqua minerale che preferisce ma guai a chi avvelena l’acqua del rubinetto per vendere più acque minerali.  E’ una conquista della civiltà che diventa un diritto nel momento in cui viene sancito. Ma era un diritto di tutti i bambini già prima, solo che andava conquistato, andava affermato.
La scuola pubblica va difesa, curata, migliorata.  In quanto idea, e poi proprio in quanto scuola: coi banchi gli insegnanti i ragazzi le lavagne.
Bisogna amarla, ed esserne fieri.
lettera di Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 marzo 2011 in Cultura e Società

 

L’Amore non ha limiti


Quando si ama davvero…..