RSS

EOLO: la prima auto ad aria compressa

22 Gen

Eolo è il nome della prima auto ad aria compressa, raggiunge i 100 Km/h ed ha una autonomia di 200 Km


Eolo è il nome della prima auto ad aria compressa, raggiunge i 100 Km/h ed ha una autonomia di 200 Km allamedia di 60 Km/h (oppure 10 ore di utilizzo in città). L’idea della Eolo, sviluppata da Guy Negre, già progettista di motori da Formula, è della MDI, che ha ceduto la licenza per costruzione e commercializzazione in vari paesi alla Eolo International, che ha girato per l’Italia alla Eolo Italia.

Il cuore dell’Eolo è costituito dal motore in alluminio, che non utilizza la combustione ma l’espansione d’aria, senza quindi l’uso di fiamma e senza superare mai i 40 °C. In questo modo si diminuiscono l’usura meccanica e la manutenzione, mentre aumenta la durata. L’aria che esce dal tubo di scarico è, oltre che priva di gas nocivi, molto fredda (arriva infatti -20 °C). L’assenza di combustione consente di impiegare come lubrificante olio alimentare. Il rifornimento d’aria compressa può avvenire attraverso compressori da 5,5 o 3 Kw integrati nel veicolo che permettono di fare il pieno, rispettivamente in 4 o 7 ore, collegandosi a qualsiasi presa di corrente.

L’aria viene stipata in quattro contenitori tubolari in fibra di carbonio, che trovano posto sotto il pianale dell’auto, la cui resistenza è stata testata fino a 750 bar; inoltre l’aria compressa non è infiammabile e non può quindi esplodere. Tra gli altri particolari degni di nota, l’impianto elettrico di nuova concezione con un solo filo che comanda tutti i dispositivi, la carrozzeria in fibra di resina (nel futuro sarà di estrazione vegetale, interamente riciclabile), i sedili in canapa.

La Eolo doveva entrare in produzione nell’anno 2003 e  asseblata a Broni, nell’Oltrepò pavese. Ma al momento non esistono ancora novità, nonostante l’impegno a proseguire il progetto sia forte. La fabbrica che coprirà una superficie di ventimila metri quadrati, quattromila dei quali destinati all’impianto produttivo dove verranno assemblate ottomila vetture l’anno. All’interno dei capannoni, interamente realizzati con pannelli in fibra di resina vegetale riciclabile, lavoreranno 240 persone, tra cui anche i capireparto, che hanno da tempo sostenuto il corso di formazione a Nizza. Anche loro sono in attesa di sviluppi.


Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 gennaio 2011 in Ecologia e Sistema

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: